BINARIO-PENTAGRAMMA

È un ricordo lontano, carico di nostalgia e riconoscenza, quello che mi lega al bus diretto dal colore azzurro un po’ sbiadito, della linea extraurbana La Spezia – Carrara. Enrica con dei crackers in mano ed io con una mela in borsa, determinate nella scelta comune di quella scuola lontana, ci incontravamo in piazza Chiodo, al capolinea, verso le sette, e salivamo sul “nostro” bus: vecchiotto, ma solido e rassicurante, per più di un’ora diventava la nostra casa; così, per tutto il viaggio, approfittando del vantaggio di arrivare per prime, ce ne stavamo sedute comode ai primi posti, accanto all’autista, un giorno l’una, un giorno l’altra vicino al finestrino, come in solotto, sul divano, davanti alla tivù. La  strada si snodava lenta, con tante fermate, una curva dopo l’altra; le prime volte ce ne stavamo assonnate e timorose, in silenzio, guardando fuori, col pensiero al calore delle nostre case, dalle grandi finestre affacciate sul monumento a Garibaldi, con le stanze profumate di latte e caffè, che lasciavamo così presto e a malincuore la mattina, per raggiungere una città  sconosciuta …

Leggi tutto