Categoria: ALTRE MERAVIGLIE

LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMÃO DI KARIM AÏNOUZ: UNA POTENTE STORIA DI SORELLANZA, SOLIDARIETÀ E INTIMA FORZA DELLA “INVISIBILITÀ” FEMMINILE

La vita invisibile di Euridice Gusmão di Karim Aïnouz, vincitore della sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2019, è un film liberamente ispirato al romanzo Euridice Gusmão che sognava la rivoluzione, opera prima di Martha Batalha, che ha riscosso un notevole successo internazionale ed è stata pubblicata in Italia nel 2016.

 Nel Brasile degli anni ’50, paese dalle tinte forti e dall’anima misogina, all’impietoso caldo del quale fa da contrappunto il gelo interiore di molti personaggi, si svolge la parabola umana delle sorelle Euridice e Guida Gusmão, seguite dalla prima giovinezza sino alla vecchiaia. Una storia resa più cruda e potente da una sanguigna quanto feroce sensualità, che narra di unioni oppressive e inconsolabili separazioni, devastanti “affetti” famigliari e sorellanza salvifica malgrado le distanze, rinunce e sogni più forti di qualunque catena.

Nel passaggio dalla scrittura alla settima arte la storia non perde nulla della sua dirompenza, grazie alle due superbe protagoniste – Carol Duarte e Julia Stockler, due attrici pressoché esordienti al cinema, rispettivamente nel ruolo di Euridice e in quello della sorella maggiore Guida, mentre la prima da anziana è interpretata da Fernanda Montenegro, attrice simbolo del cinema brasiliano – e ad un grande talento  registico. Un talento che, nel pieno rispetto delle origini letterarie del film,  sa calibrare in modo perfetto toni e tempi di un (melo)dramma senza tempo, parabola sulla femminilità ferita che in un crudele universo maschilista non  rinuncia a cercare  se stessa e, dopo aver toccato il fondo, riemerge dalle proprie stesse ceneri a suo modo più forte e più libera.

Leggi tutto

ORE D’AMORE DI ROSARIO LISMA AL FILODRAMMATICI

Ore d’amore – in scena al Filodrammatici dal 28 maggio al 2 giugno, drammaturgia Rosario Lisma, regia e interpretazione Nicola Stravalaci e Debora Zuin, produzione Animanera, gruppo milanese dedito a un intenso percorso di ricerca artistica – analizza la disgregazione di una coppia ordinaria straordinariamente scoppiata, tra confessioni estorte per sfinimento e accuse reciproche, cinismo e orgoglio ferito. Ironica e intelligente, a tratti esilarante a tratti profondamente malinconica, la pièce è un intenso viaggio alle radici di una ferita aperta: quella di una comunione spirituale e affettiva che forse c’è stata ma di cui ormai restano solo sparsi frammenti formato flash.

Leggi tutto

“LA VIOLENZA DI GENERE HA I GIORNI CONTATI”: LA KERMESSE SULLA LIBERTA’ FEMMINILE ORGANIZZATA DALLA CASA DI ACCOGLIENZA DELLE DONNE MALTRATTATE di MILANO


Giovedì 23 maggio si è chiusa la kermesse di tre giorni organizzata a Milano dal CADMI, la Casa di accoglienza delle donne maltrattate, nella bella cornice del Base di via Bergognone (tra ragazzi che leggono studiano e chiacchierano, libri ed esposizioni artistiche varie, quale insieme potrebbe mettere più allegria?),dal titolo “La violenza di genere ha i giorni contati”, e dal sottotitolo, ancora più significativo: “potremmo parlare di vittime Ma parliamo di donne”. Dunque non un approccio vittimista e autoreferenziale ma costruttivo, ottimista e aperto alla rete sociale, con sguardi sulla libertà come antidoto alla violenza ogni giorno diversi: libertà economica, nella comunicazione e infine come metodo. Io ho potuto assistere solo ad alcuni dei tanti interessantissimi incontri previsti dal ricco calendario, (per una più esaustiva riflessione sui quali rimando all’articolo di Cultweek a firma di Roberta Virduzzo) ma quei pochi mi hanno ripagata ampiamente del viaggio affrontato per raggiungere Base.

Leggi tutto

L’IMPORTANZA DI COMMEMORARE IL 25 APRILE E IL CONTRIBUTO FEMMINILE ALLA LIBERAZIONE

Oggi, 25 aprile, si commemora la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, stabilita come festa istituzionale su proposta di Alcide De Gasperi, allora Capo del Governo provvisorio, poi sancita in modo definitivo nel 1949. Personalmente mi sento cittadina del mondo e non sono particolarmente sensibile nei confronti di feste e ricorrenze varie. Ma oggi mi sembra giusto che ognuno, a modo suo, faccia sentire la propria voce, ricordando a se stesso e agli altri che c’è, che sa e non ha dimenticato. Perché solo in questo modo è possibile evitare che gli orrori della Storia si ripetano.

Leggi tutto

TORNA A CASA JIMI! DIECI COSE DA NON FARE QUANDO PERDI IL TUO CANE A CIPRO: L’IRRESISTIBILE ESORDIO DEL REGISTA CIPRIOTA MARIOS PEPERIDES

Torna a casa, Jimi! – Dieci cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro, esordio alla regia del greco Marios Piperides, accolto benissimo da pubblico e critica e trionfatore al prestigioso Tribeca Film Festival , è un irresistibile tragicommedia, un buddy-movie apri-menti, come l’ha definita lo stesso regista in un’intervista, che aiuta a combattere i pregiudizi e a rispettare la diversità culturale. Piperides, con realismo minimalista intriso di una irresistibile verve comica, attraverso la storia di un uomo che cerca di riprendersi il suo cagnolino smarrito ci racconta un dramma dimenticato, quello di Cipro la cui capitale, Nicosia, è rimasta l’unica al mondo ad essere spaccata in due.

Leggi tutto

Matera capitale europea della cultura 2019 e il ruolo del WFF nella sua rinascita

Tra i colori della Palestina e le magiche luci dei camini delle fate si snodano i Sassi di Matera, tra i quali è nato il primo Festival internazionale interamente dedicato alla letteratura femminile, il WFF, women’s fiction festival che ha avuto un ruolo centrale nella sua rinascita, contribuendo a farle meritare il titolo di capitale europea della cultura 2019, in aggiunta al preesistente
patrimonio mondiale dell’umanità . Pur avendo potuto viaggiare molto meno di quanto mi sarebbe piaciuto, nella mia vita ho avuto modo di visitare tanti bei luoghi e altrettante splendide chiese, ma Matera, coi suoi sassi e le sue chiese rupestri, ha un quid che la rende unica. L’incanto della città dei Sassi, oggi simbolo del riscatto del Sud, nasce dall’incontro di diverse magie destinate a esaltarsi l’un l’altra, quella di un semprevivo passato e di un presente spalancato sul futuro, di un antico splendore materiale e di una bellezza emanata, oltre che da una vivacità culturale assolutamente imprevedibile sino agli anni ’60 e a cui il WFF ha dato come accennato sopra un significativo impulso, da un senso di trascendenza in virtù del quale chi s’inerpica tra i Sassi o lungo gli itinerari che portano alle chiese rupestri ha la struggente sensazione di vivere in una dimensione ”altra”, quasi metafisica. Sensazione che si avverte in modo particolare nel raggiungere Santa Maria De Idris, scolpita nella parte più alta dello sperone Monterrone, immagine senza tempo non di semplice religiosità ma di una spiritualità capace di permeare di sé il mondo circostante.

Leggi tutto

SULLA (IN)UTILITA’ DI UN NUOVO BLOG LETTERARIO

Mi sembra di sentire le vostre obiezioni sull’utilità di un nuovo blog letterario, per di più contenente inediti, considerato il surplus di grafomani che c’è in giro! Premesso che il mio blog vuol essere uno spazio aperto di riflessione sulla cultura, in modo particolare sulla lettura/scrittura, in cui possa ritrovarsi e confrontarsi chiunque ne condivida la passione, piuttosto che una vetrina per autori in attesa di pubblicazione, capisco la vostra reazione e vi darei pienamente ragione, se non fosse per un particolare spesso trascurato. Si dà per scontato che gli esordienti in cerca di editore che non hanno mai vinto concorsi di un certo prestigio e non sono mai stati raccomandati da agenti letterari e affini siano sempre schiappe, mentre chi è riuscito a farsi pubblicare da editori degni di tale nome sia, se non un genio, quanto meno meritevole di considerazione. Qualche tempo fa ho letto in merito un articolo, peraltro ricco di suggerimenti molto utili per gli aspiranti scrittori – chiedo scusa al bravo autore ma purtroppo non ne ricordo il nome – in cui si diceva che, a meno di non saper proprio scrivere, se si è molto motivati è inevitabile trovare prima o poi un editore disposto alla pubblicazione. Su questo punto devo dissentire perché, pur essendo probabile che nella maggioranza dei casi sia così, sono certa che  non lo sia sempre.

Leggi tutto

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén